Grand Hyatt

Grand Hyatt

Berlin | Germany

1998 | ID Hannes Wettstein

Il Grand Hyatt Berlin è situato in una zona della città completamente rinnovata dopo la caduta del Muro. Il Maestro Renzo Piano ha progettato l’area, l'architetto Rafael Moneo ha progettato l'edificio, il designer Hannes Wettstein ha disegnato gli interni. Si tratta di un art hotel, dove l’arredo, eseguito chiavi in mano da Interna nel 1998, è stato attentamente studiato per dare risalto alle preziose opere d'arte esposte.
Le linee pulite e l'omogeneità della tavolozza cromatica nelle aree comuni sono state la cornice perfetta per i capolavori esposti alle pareti, tra cui lavori degli artisti Julio Rondo e Corsin Fontana. Nella Suite Presidenziale l'arredamento richiamava i toni del bianco e nero della fotografia di Gert Rappenecker, mentre la pannellatura semplice ed elegante contrastava ed esaltava i blu contemporanei e sorprendenti del dipinto di Kurt Hofmann.
Il leitmotiv di questo hotel era dato dalla semplicità: le linee rette e la geometria perfetta utilizzata seguivano questo principio guida, ma evocavano anche una sensazione di grandezza. Le camere, arredate con la stessa lineare semplicità che caratterizzava tutto l'hotel, offrivano tutti i comfort e i servizi di un vero hotel di lusso.